Claudio Saltarelli

Poeta, librettista e drammaturgo impegnato su vari fronti culturali, dalla critica d’arte alla letteratura, si è proficuamente interessato del rilancio del librettismo, di cui è un fervido esponente, collaborando in campo nazionale ed internazionale con importanti compositori.

Da tempo sostiene formule librettistiche innovative con testi pregni di discorsività lirica e penetrati di sempre più ampie parti di recitazione-cantante basata su canovacci a taglio cinematografico.

Si interessa ad una poesia linguisticamente collegata alle diverse correnti di pensiero che hanno costituito il nostro passato culturale. A tale proposito è stato estensore e creatore di una realtà poetica personale, chiamata Riformismo, che tenta di uniformare l’agire poetico in un’unica direzione, con comune coesione d’intenti.

Sostiene con convinzione la rinascita dell’opera lirica italiana contemporanea agendo in direzione del recupero dei valori della più genuina tradizione letteraria e teatrale nazionale, legando tali concetti soprattutto alla stagione musicale e poetica del primo Novecento.

Crede nella valorizzazione e nel recupero di stilemi del tipico teatro lirico italiano attraverso il rilancio di proposte legate al filone del buffo, del brillante e dell’umoristico che predispongano il pubblico ad un ascolto leggero e comprensibile, legato all’evento visivo, contaminato dalle varie esperienze dell’oggi e da un surrealismo di fondo.

Nel corso della sua attività ha ideato svariati testi per il teatro d’opera e, ad impianto sacro, per la Chiesa. Ha al proprio attivo, oltre a diverse opere liriche, anche oratori, sacre rappresentazioni, opere-oratorio, drammi liturgici, cantate, inni, misteri sacri, ecc.

Fra i molteplici compositori che hanno collaborato con significativi risultati, particolarmente intenso fu il rapporto creativo con Giuseppe Zanaboni che si concluse con la realizzazione della sacra rappresentazione De Placentiae Synodo in un prologo e due episodi, voluta per la ricorrenza del 900° dell’indizione della prima crociata, avvenuta nel 1095 attraverso il Concilio Ecumenico di Piacenza.

Importanti gli impegni tenuti per il grande Giubileo dell’anno 2000 con prime esecuzioni, sotto l’etichetta della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, di ben tre lavori sacri.

In campo letterario contribuisce, nel 1995, al rilancio estetico e stilistico dei lavori di Ada Negri facendosi carico ed ampliando la Tesi Ukrajnka.

Nel 1996 è finalista al Premio Italia Letteraria con la silloge poetica Rivelazioni, grazie alla quale ottiene la Speciale Menzione Linguistica.

Nel 1998 è presso l’Università americana di Haverford-Philadelphia per una serie di lezioni-conferenze legate all’anniversario dannunziano ed alle collaborazioni del Vate con i compositori del suo tempo.

Oltre ad avere organizzato numerosi cicli musicali a carattere anche internazionale, dal 1996 è direttore artistico del Gruppo Strumentale V. L. Ciampi e dal 1997 al 2005 dell’Orchestra Filarmonica Italiana.

In ambito musicale nel Gruppo Strumentale Ciampi ha, in particolare, avviato un significativo rinvigorimento e modernizzazione inserendo, con nuove e sensibili strutture, un'anima più vicina al contemporaneo, alla riproposta di lavori dimenticati soprattutto del Novecento italiano ed europeo, alla commissione di nuove opere, alla valorizzazione ed esecuzione di letteratura antica, rinascimentale e barocca non ancora scoperta e di particolare rilevanza, alla salvaguardia e rivalutazione del repertorio sacro e organistico classico, antico e contemporaneo, alla valorizzazione del repertorio cameristico.

Ha rilanciato in modo sistematico la realizzazione di eventi che contenessero la riscoperta di inediti musicali e di strumenti caduti in disuso.

Ha potenziato i concerti di stampo organistico dando alle manifestazioni ad essi collegate un taglio spiccatamente europeo, valorizzando gli strumenti del territorio ove opera il Gruppo ed ottenendo - grazie anche agli interpreti partecipanti alle manifestazioni (tra i più quotati a livello mondiale) - un incremento del turismo culturale legato all'evento ed al luogo di svolgimento del momento culturale stesso.

Ha ottenuto, con un tipo di programmazione in Italia non di facile impatto, una visibilità di primaria importanza, riuscendo a divulgare anche nei bassi strati culturali ciò che a torto è considerato di élite.

Fra le svariate iniziative di tipo artistico-culturale e musicale organizzate si ricordano un'intera Stagione d'opera buffa settecentesca inedita per il Teatro Municipale di Piacenza; sei opere inedite che ebbero grande successo di pubblico e critica e vennero tutte registrate in CD.

È stato incluso in innumerevoli enciclopedie e dizionari enciclopedici a diffusione mondiale, stampati in America ed in Inghilterra.

È Membro Onorario a Vita dell’International Biographical Society dell’Università di Cambridge, Accademico dell’International Biographical Institute of America, Accademico della Royal London Diplomatic Academy per particolari meriti letterari.

È annoverato fra gli Esponenti di Chiara Fama-Esponenti d’Eccellenza dell’Albo degli Scrittori e degli Artisti Italiani ed Europei patrocinato dalla Commissione Cultura del Parlamento Europeo e dall’Unesco.

 

 

Elenco delle opere

 

anno di creazione

titolo

tipo composizione

musica di

1991

Menhir (per fagotto)

parergo poetico

Giuseppe Zanaboni

1993

Immagini e Suoni (per clarinetto e voce recitante)

evocazioni poetiche

Giuseppe Zanaboni

1995

Chemin dans le bois de Pissarro

vaniloquio solitario

 

1995

Farneticazioni d’un impiccato

dialogo con l’anima

 

1995

La vicenda Morin

opera buffa in un atto

 

1995/6

De Placentiae Synodo

(in occasione del 900° dell’indizione della prima Crociata)

sacra rappresentazione in un prologo e due episodi

Giuseppe Zanaboni

1995/6

La Canzone della Veglia

melodramma per orchestra, coro e soprano

Curt Cacioppo

1995/6

Notturno Elidiano

estratto dal melodramma

(varie versioni)

Curt Cacioppo

1996

Rivelazioni

silloge poetica

 

1997

Briciole di futuro

lieder

(per voce e pianoforte)

Barbara Rettagliati

1998

Hecatompylos

Opera-oratorio in un tempo composto da due frammenti

Daniele Sacchi

1998/9

Dies Sansabiniensis

mistero sacro

in un atto e dieci momenti

 

1999

Pour la mort d’un enfant Poète: Mémoires d’amour

poema

 

1999

Il Verde paradiso degli amori infantili (tratto da Pour la mort d’un enfant Poète: Mémoires d’amour)

poema

per voce recitante e organo

(adattato da Suzanne Guillou)

Jean Guillou

2000

Cantata a Roma

(originariamente composta per il Giubileo 1950)

cantata sacra

(revisione del testo)

Giuseppe Zanaboni

2000

Yobel

(il grande viaggio, il nuovo cammino attraverso la soglia della speranza)

cantata sacra in Millenio adveniente

(per attore, baritono, una danzatrice, coro e orchestra)

Carlo Galante

2000

Inno alla Pace e alla fratellanza

canto liturgico (con raccomandazione del celebrante) per soprano, coro e orchestra

Alessio Vlad

2000

Padre, ascolta

cantata sacra giubilare (per soprano, coro, organo e orchestra da camera)

Massimo Berzolla

2000

Jordanie

lied

(per soprano e grande orchestra)

Barbara Rettagliati

2001

Amori infantili

(tratto da Pour la mort d’un enfant Poète: Mémoires d’amour)

lied

(per soprano e strumenti)

Fabrizio Francia

2001

Epopea

tre frammenti (per recitante e quartetto di chitarre)

Giovanni Catelli

2001

Giustina

dramma spirituale (per solisti, attori, coro e orchestra)

Massimo Berzolla

2001/2

Nanette ou la vie derobée

balletto in due atti

Gian Francesco Malipiero

2002

Torna!

canzone

Fabrizio Francia

2002

Latte e caffè

canzone

 

2002/3

Il cappotto per caso, ossia la presunta Borbone in casa Romanov

vicenda lirica semiseria in tre atti

Gianno Possio

2002/3

Le Umane astuzie

opera semiseria a racconti in un prologo, due quadri e un epilogo

Federico Mantovani

2003

Declinazioni Leonardesche

tra il goliardico ed il culinario

tre panzane in rima

(poesia quasi in stile)

Claudio Brizi

2003

Variazioni Leonardesche sul tema dell’Ultima Cena

visione in versi del dipinto di Leonardo

Barbara Rettagliati

2004

Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno

opera lirica

(revisione del testo, riduzione e organizzazione drammaturgica)

Vincenzo Legrenzio Ciampi

2004

Canterville’s Ghost Party

opera lirica-commedia in due atti

Gianni Possio

2004

Risacche d’amore

silloge poetica

 

2004/5

Un giorno da direttore

(e mai più un altro)

opera lirica

in sei quadri

 

2004/5

Catai dolce Catai

azione scenica

in un atto

 

2004/5

Non sopporto il
contemporaneo

scherzo

a due voci e un muto

 

2008

Due Canti brevi:

Foglie avanti S. Savino;

Evocazioni di gelo avanti S. Savino

lieder

(per canto e pianoforte)

Curt Cacioppo

2008

La memoria, il dolore, il canto

lieder

Barbara Rettagliati

2010/11

Ricordi furtivi

lied

Barbara Rettagliati

2010/11

Nuovi Sonetti Religiosi

silloge poetica

 

2010/11

Une Médée gothique
(Medea e il suo doppio)

opera lirica in un atto

Barbara Rettagliati

2011

La tolleranza della farfalla

silloge poetica

 

2011

Come pini al brindisi

lied

Barbara Rettagliati

2012

Nozioni di luce

quattro riflessioni in poesia

 

2013

Images

lieder

Barbara Rettagliati

2013

Malinconica sinfonia

lied

Valentino Metti

2013/14

Quatre Bagatelles-Armoire

lieder

Joe Schittino

 

 

Bozze già lavorate

 

anno di creazione

titolo

tipo composizione

1999

La vicenda di S. Galgano

bozzetto lirico in un quadro

1999

Anastasia Nicolaevna Romanov

ricostruzione storica in tre atti lirici

 

L’Eden nascosto

conversazione per musica (fiaba fantastica in un atto per sei voci e piccolo coro)

2003/3

Le Umane astuzie

opera semiseria a racconti in un prologo, due quadri e un epilogo

2004

Jeux de printemps

balletto in un atto

ispirato ai modi primaverili